Ti trovi in:

Home » Territorio » Luoghi e punti di interesse » Le acque termali

Le acque termali

di Lunedì, 28 Aprile 2014

Le Acque della Sorgente Ceva

Fin dalla meta del 1700, all'acqua delia sorgente di Ceva, situata in Val dell'Osta, nella 
zona detta "alle Paole" furono attribuite proprieta curative. 
"Come bagno assai efficace contro Ie malattie reumatiche e contro moltissime malattie della pelle quasi sempre addimostra il suo prodigioso valore" scrive il farmacista di Cavalese, Demetrio Leonardi, effettuando nel 1834 la prima analisi organolettica. 
Era gia passato qualche decennio da quando Carlo Rizzoli aveva realizzato una condotta di circa 300 metri per portare la preziosa acqua fino all'albergo Bagni, dove veniva impiegata per vere e proprie cure termali, grazie alia realizzazione di specifico stabilimento. 
L'acqua delia sorgente di Ceva veniva bevuta o utilizzata per tradizionali bagni, anche di vapore, richiamando perfino alcuni componenti delia regia Casa d'Austria e promuovendo un florido turismo. 
Spariti i fasti e Ie abitudini dell'impero asburgico, con I'avvento del turismo moderno. 
Carano ha continuato per6 a cullare I'idea di recuperare questa importante risorsa attualmente disponibile solo nel getto d'acqua delia fontana di via Tomasi. 
Per cercare di avvicinare questo obiettivo, il sindaco di Carano, Giorgio Ciresa, un paio di anni fa ha commissionato uno studio delle acque termali a un gruppo di esperti. 
I risultati di questi studi vengono ora presentati al pubblico, proprio nell'anno internazionale dell'acqua, attraverso il convegno scientifico nazionale "Attualita del termalismo in Italia e in Trentino", promosso dal Comune di Carano con la sezione regionale dell'Associazione Medica Italiana di Idroclimatologia, Talassologia e terapia Fisica (AM.I.I.T.T.E.) e l'Associazione Ricerca Medica ,Trentina (AR.M.E.T.), presieduta dal dott. Mario Cristofolini, che sara anche il coordinatore del convegno. 
A una mattinata interamente dedicata aile acque di Carano seguira nel pomeriggio un vero e proprio "stato dell'arte" del termalismo trentino, con brevi relazioni dei responsabili di tutte Ie realta termali provinciali. 
II convegno intende inoltre sensibilizzare gli imprenditori e gli operatori turistici delia Val di Fiemme e dell'intero Trentino nei riguardi di questa interessante potenziale risorsa. 
II prossimo passo dell'amministrazione comunale sara quello delia certificazione delle caratteristiche dell'acqua da parte del Ministero della Sanita. 
Con il supporto scientifico presentato attraverso questo convegno, verranno inoltre avviati i contattinecessari per identificare Ie possibili partnership e vagliare i primi studi di fattibilità per la realizzazione di un moderno centro termale anche in Val di Fiemme, potendo contare su oltre 30 mila posti letto turistici, di cui 2000 disponibili nel Comune di Carano, e su un'ottima notorieta della destinazione.