Il Territorio

di Lunedì, 28 Aprile 2014

L’uso del suolo è caratterizzato, come d’altronde in tutta la Valle di Fiemme, dagli elementi fisici dell’ambiente geografico, ma anche delle lunga e coerente vicenda storica del suo popolamento e dalle attività umane che si sono svolte, dalle quali in passato e fino a relativamente poche generazioni orsono, la Magnifica Comunità, ha costruito la struttura portante e il costante polo di riferimento. 

In particolare alla coltura del bosco e allo sfruttamento dei pascoli, che hanno rappresentato per secoli la principale attività economica della popolazione.
Oggi sul territorio si presentano, non proprio intatte , ma sicuramente ben leggibili, le tre componenti che l’uso e le consuetudini della popolazione hanno consolidato nel corso dei secoli in perfetto equilibrio: il bosco, il coltivato e il pascolo.
Dalla rappresentazione emerge che le superfici boschive sono le più estese, occupando la quasi totalità del territorio del Comune a monte ed a ovest del centro abitato;esse rappresentano circa il 50% del territorio.
Il manto forestale , costituito pressoché totalmente da fustaie di resinose, è in gran parte localizzato sul versante più soleggiato del territorio, dove le condizioni altimetriche, podologiche e climatiche favoriscono una rigogliosissima vegetazione di conifere, prevalentemente di abete.
Le zone a pascolo rappresentano quasi il  30% del territorio e sono suddivise in due tipi fondamentali: la sezione minore a nord dell’ agglomerato di Aguai ed è destinata  al pascolo di bestiame  con rientro giornaliero nella stalla; l’altra sezione , più consistente , si trova ai margini inferiori del bosco e serve per l’esercizio del pascolo estivo.
Diverso il caso dei pascoli alti a lontani dalle stalle stanziali, dove l’ecosistema è più consolidato ed in equilibrio, con  modesti incrementi delle aree improduttive dovute alla continua discesa di materiale roccioso, alla ridotta attività pascolava degli ovini ed in particolare, a causa dell’abbandono della pratica dello sfalcio estivo in alternanza al pascolo; si assiste spesso all’ appropriazione spontanea del cespugliame e bosco sugli spazi aperti esistenti, ma, in sostituzione dei prati da sfalcio, vengono messe a dimora piante resinose tali ormai da ridurre al minimo le zone pascolive.
A differenza di un tempo, quando i seminativi occupavano le zone migliori, oggi nelle aree a vocazione agricole prevalgono i prevalgono i prati falciabili, mentre i pochi arativi sono coltivati  per lo più a patate.
Si può quindi concludere questo rapido esame  dell’uso del territorio affermando che i tre principali ecosistemi in atto mostrano da un lato un lento e graduale evolversi a favore del bosco (dovuto a fattori per lo più naturali in assenza di intervento antropico) e dall’altro una riduzione delle aree tradizionalmente definibili come agricole a favore dell’urbanizzazione: vedi in particolare l’urbanizzazione in località Veronza e gli insediamenti produttivi a sud della S.S 48 delle Dolomiti.

Questionario
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam